Il buonsenso di Lauro Venturi e Cna Milano Monza Brianza

3

http://www.cnamilano.it/aziende-colpite-dal-terremoto-due-piu-due-puo-fare-cinque/05/2012

Aziende colpite dal terremoto: due più due può fare cinque
31 maggio, 2012 Un’idea che vale la pena di percorrere. Moltissime aziende artigiane e pmi dell’Emilia sono in ginocchio, ordini che non possono essere evasi e che compromettono la sopravvivenza, una volta terminata l’emergenza.

A Milano, Monza e in tutta la Lombardia ci sono aziende metalmeccaniche con tecnologie e competenze simili a quelle dei colleghi emiliani. A volte queste aziende lamentano carenza di commesse.

Insieme a Imprese che Resistono (questi sono i momenti della condivisione, non della separazione) si è pensato che le aziende lombarde potrebbero produrre per conto di quelle emiliane le commesse sospese. Il committente finale in questo modo avrà garantita la produzione.

Certo, occorre un grande rapporto fiduciario, che eviti tiri mancini o speculazioni del tipo “portarsi via i clienti”.

Gli artigiani sono persone concrete e serie, in più la vigilanza delle Associazioni è una garanzia.

Siamo a disposizione sia delle aziende lombarde che si rendono disponibili a lavorare per conto di quelle emiliane, sia delle aziende emiliane che intendono approfondire questa idea.

Avanti tutta!

Abbiamo al solito avuto qualche delatore in merito all’iniziativa, che sottolineava l’nteresse al guadagno che ci sarebbe dietro a questa idea. Forse queste persone poco sanno di impresa, pensano forse che i clienti in attesa delle merci dalle aziende compromesse dal terremoto, rimarranno ad attendere il tempo necessario al ripristino delle attività? Pensano, questi geni del pensiero profondo, che i clienti non cercheranno altri fornitori che possano saldare le commesse in tempi a loro utili?

Certo, sappiamo bene che i furbi sono ovunque, ma sappiamo anche che le leggi di mercato sono sempre le stesse, e sappiamo anche, cosa che ai “delatori” dell’ultimo minuto non è chiara, che le aziende che non lavoreranno probabilmente non saranno aiutate dal sistema bancario nel saldo delle scadenze in essere, quindi è interesse di tutti fare in modo che queste aziende possa mantenere “il mercato acquisito” invece che perderlo.

Ma noi pensiamo al fare, le chiacchiere le lasciamo al solito a chi non ha altro a cui pensare..

Ringraziamo Lauro Venturi di Cna Milano per l’onestà intellettuale e lo spirito “imprenditoriale” che ha dimostrato nell’appoggiare apertamente questa iniziativa dando il via ad una collaborazione “sopra le parti” e ” al di sopra degli interessi di parte”.