da Affaritaliani.it

In Puglia arriva lo psicologo contro la crisi

Venerdì, 30 marzo 2012 – 09:21:00

Sei casi di suicidio di imprenditori registrati tra la provincia di Barletta – Andria – Trani e il Salento nel giro di soli tre mesi. La punta dell’iceberg di un fenomeno dettato dalla crisi economica. Morti forse evitabili se esistesse una rete di supporto psicologico. E parte ora proprio dal Salento, da Brindisi, dal presidente dell’Associazione psicologi indipendenti, Fabio Delli Santi, la proposta di attivare un servizio di sostegno a imprenditori in difficoltà. Gli impresari sono ancora restii a chiedere aiuto ma già vari psicologi hanno dato la loro disponibilità.

Secondo quanto riportato dal Corriere del Mezzogiorno la rete Terraferma, nata due mesi fa, opera grazie alla disponibilità di una ventina di psicologi sparsi in tutta Italia che hanno creato un’apposita rete di supporto. Impresecheresistono, invece, è un comitato spontaneo, nato a maggio del 2009 e composto per l’80% circa da piccole aziende che puntano a difendere l’impresa e l’occupazione. Sono presenti soprattutto nel Milanese e nel Triveneto, mentre Terraferma opera in quasi tutti i capoluoghi di regione. “Escluse la Sicilia, la Toscana, le Marche e la Puglia”, dice Laura Sanna, psicologa e coordinatrice di Terraferma a livello nazionale.

Proprio con Sanna si è già messo in contatto Delli Santi che, da presidente provinciale di Brindisi della onlus ‘Sos per la vita’, attiverà un intervento sulla stessa linea dei colleghi di Terraferma. “Infatti – afferma Delli Santi – creando un gruppo di psicologi e psicoterapeuti che esercitino nelle province di Brindisi, Lecce e Taranto, in un momento di palese emergenza, si fornirà un servizio di supporto immediato in tutta l’area ionico-salentina”.

“Già dieci anni fa – dice Delli Santi – con Rita Tarantino, presidente regionale di ‘Sos per la vita’, rilevammo in molti reparti di Oncologia in Italia un allarmante livello di Burnout, sindrome che tra le conseguenze più estreme registra anche il suicidio di medici, infermieri, tecnici di laboratorio. Occupandomi da anni di rischio stress da lavoro correlato, sia per piccole e medie imprese che per multinazionali e corporation, posso garantire che la complessità relazionale della realtà lavorativa è difficilmente sintetizzabile. Bisogna accelerare il cambiamento culturale sulla tutela della salute emotiva e psicologica di chi lavora, dal dipendente al dirigente, che troppo spesso sottovaluta i primi segnali di allarme proprio del suo stress. Abbiamo attivato diversi professionisti su Brindisi, Lecce e Taranto, che rispondono, 24 ore su 24, al numero 393-5313353, oltre alla consulenza online”.