Fmi taglia le stime sull’Italia: pil 2010 +0,8%, nel 2011 +1,1%

La disoccupazione salirà quest’anno dal 7,8% all’8,7%
Crescita modesta in Europa, da Grecia rischio contagio

leggi

Alla fine, stime riviste al ribasso ed ipotesi di “manovrina” per reperire i fondi per coprire i disavanzi, con l’aggiunta di una previsione di ulteriore restringimento del credito erogato e di un aumento di disoccupazione e inflazione, ci possono dare un orizzonte a breve termine un tantino più limpido. Metterci al riparo dalla guerra tra poveri che si scatenerà, dal salasso ingordo di una fiscalità affamata ed allo stremo, è l’urgenza che dobbiamo soddisfare molto molto rapidamente.

Idee in merito?

Inflazione all’1,4%, record da un anno
La disoccupazione giovanile sale al 28%

Conti pubblici, nel 2009 sale al 5,2%
il rapporto deficit-pil, è il peggiore dal ’96

Redditi giù del 2,8%: mai così male dal’90
Benzina: si studia intervento sull’Iva

Agip rompe la tregua, nuovi rincari dei carburanti